Creati dal viaggio indiscreto dei nostri occhi, tutti quei pezzetti di vita si perdono attraverso sguardi incontrati per caso, mani tese senza barriere, sorrisi dispensati dalla semplicità del cuore, ricordi sopiti di un tempo che fu, corrispondenze epistolari ritrovate, desideri latenti ed inespressi, amori consumati , infanzie ritrovate .

Se fossimo davvero così accorti, così spontanei, così liberi, le pagine della nostra vita scorrerebbero più lente e ricche di significato.

Incanti nasce dall'idea di scoprire se stessi, attraverso una rivalutazione di quegli attimi che, anche se apparentemente destinati a perdersi nelle fitte nebbie dell'oblio della freneticità della nostra vita, lasciano il segno.

Lasciano il segno perchè ci consentono di trasformare la superficialità delle cose in profondità di pensiero.

Tutti quei frammenti di esistenza, anche se spesso banali o senza un immediato senso compiuto, dovrebbero poter scolpire la roccia della nostra vita.

Creati dal viaggio indiscreto dei nostri occhi, tutti quei pezzetti di vita si perdono attraverso sguardi incontrati per caso, mani tese senza barriere, sorrisi dispensati dalla semplicità del cuore, ricordi sopiti di un tempo che fu, corrispondenze epistolari ritrovate, desideri latenti ed inespressi, amori consumati , infanzie ritrovate .

Se fossimo davvero così accorti, così spontanei, così liberi, le pagine della nostra vita scorrerebbero più lente e ricche di significato.

Anche una semplice attesa, quindi, potrebbe risuonare così:

Cammino per strada .

E’ una strada qualsiasi di una città che non conosco .

Non importa .

Lascio trascorrere il tempo. Ne ho tanto ancora prima di rientrare a casa . L’ultimo aereo partirà tardi e di rinchiudermi all’aeroporto proprio non mi va.

Guardo la gente che cammina. Tutti uguali, tutti insieme, una moltitudine che si dirige verso una direzione che non si sa mai bene quale sia .

Poi, improvvisamente e quasi senza volerlo, la mia attenzione è attirata da qualcosa che luccica, e le cose cambiano improvvisamente .

Finalmente accade qualcosa .

Ci si sveglia dal torpore, ci si capisce, ci si intende subito, e senza necessità di dire niente cambia tutto.

A causa dell’intensità di quello sguardo migliora il mondo, si modifica addirittura la prospettiva nella quale ci si trascinava lentamente fino ad un minuto prima .

Ci si è riconosciuti. E’ accaduto qualcosa di meraviglioso, di magico.

Titolo: Incanti

Da un’idea di Marco Enrico e Livia Lepri

Coreografia e regia: Livia Lepri

Drammaturgia: Marco Enrico

Disegno Luci: Antonio Sisto

Costumi: Matteo Cardia

Progetto Video: Marco Piras

9 antiquarium 1 antiquarium 2 IMG_4214 IMG_4219 IMG_4227 IMG_4235 IMG_4243 IMG_4249 IMG_4252 IMG_4260 IMG_4262

 

 

Compagnia Danza Estemporada, Via Venezia 7, Sassari 07100

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Per saperne di piu'

Approvo
JoomSpirit