Lo spettacolo è liberamente ispirato al saggio storico della studiosa sassarese Marina Addis Saba, dal titolo Partigiane. Tutte le donne della resistenza, opera importantissima, pubblicata nel 1998, che rappresenta uno dei primi, e pochissimi, lavori dedicati al contributo delle donne nella lotta partigiana. La resistenza, momento decisivo della storia del nostro paese, è solitamente correlata all’immagine di uomini in armi, ma a questa guerra di liberazione dal fascismo parteciparono, con non minore coraggio, le donne, che a partire da questa esperienza di lotta hanno potuto ridisegnare il loro ruolo nella società moderna. Lo spettacolo segue un filo cronologico che si dipana in tre fasi: la prima rappresenta i primi anni ‘20 del 1900, in una fotografia della vita reale che vede le donne occupate nelle loro faccende domestiche; la seconda parte descrive l’avvento del fascismo che ridisegna la società in un corpo uniforme, privo di dissenso o voci contrarie, obbediente al duce che sta al vertice della organizzazione dittatoriale, in cui la donna è esaltata, e limitata, nella sua funzione di procreatrice di forti e valorosi soldati italiani da mandare al fronte; infine, la terza parte che narra la vicenda della guerra, con il lutto e la morte che ad essa si accompagna, delle leggi razziali e dell’invasione tedesca, successiva all’armistizio, a cui molti italiani si opposero, appunto, attraverso un insieme di movimenti che rappresentano la Resistenza. Lo spettacolo ha il suo culmine nella liberazione, a cui segue il ritorno alla vita normale, che, tuttavia, dopo l’esperienza vissuta, porta le donne ad una nuova consapevolezza: le donne dal 2 giugno del 1946 saranno ammesse, per la prima volta nella storia, al voto e parteciperanno attivamente alla stesura della Costituzione repubblicana. La Resistenza delle donne sarà, quindi, il terreno fertile da cui si svilupperanno le battaglie femministe degli anni 70, che hanno ridisegnato il ruolo della donna nella società moderna, e ad oggi rimane il prezioso tesoro della lotta per la libertà che ancora non è conclusa.

Coreografia: Stefania Fusco

Musiche: AA VV

Arrangiamenti: Karmen Sistha;

Dj Sknt; Dj Zorba

Costumi: Sara Rivieccio

Scenografia: Michela di Crosta

Fotografia: Marco Piras

Disegno Luci: Adriano Marras

Allestimenti: Antonio Sisto

Prima nazionale 29 Maggio 2016, Palazzo di Città di Sassari, ore 21.00.

IMG_6741 Copy IMG_6745 Copy IMG_6746 Copy IMG_6749 Copy IMG_6751 Copy IMG_6752 Copy IMG_6754 Copy IMG_6755 Copy IMG_6756 Copy IMG_6757 Copy IMG_6759 Copy IMG_6760 Copy IMG_6762 Copy IMG_6763 Copy IMG_6764 Copy IMG_6765 Copy IMG_6767 Copy IMG_6770 Copy IMG_6773 Copy IMG_6774 Copy

 

 

Compagnia Danza Estemporada, Via Venezia 7, Sassari 07100

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Per saperne di piu'

Approvo
JoomSpirit