Leopardi, Caravaggio, Beethoven. Tre artisti. Tre epoche differenti. Tre discipline diverse. Cosa li avvicina? La Luna e l’essere uomini doppi, quasi affetti da licantropia. Questa la fonte di ispirazione che mi spinge ad indagare sulle loro anime perdute ai loro tempi e ritrovate ai posteri. 

Nato dopo un intenso lavoro di oltre un anno, tra studio, ricerca e composizione, lo spettacolo indaga tre artisti inseriti in tre epoche diverse con tre discipline differenti, ma tutti accomunati dalla fascinazione per la luna e dalla condizione di uomini doppi, definiti per questo “licantropi dell’arte”.

«Per immergermi nei personaggi – spiega la coreografa Lepri – dopo averne approfondito la biografia ho provato a simulare situazioni e movimenti che ne riproducessero le menomazioni. Per Beethoven ho provato a immergermi in una condizione di sordità forzata, per Leopardi invece mi sono mossa per diverso tempo con un braccio legato che rendeva difficili i movimenti. In sostanza, ho cercato di riprodurre la forza che bisogna tirar fuori in un corpo affetto da gravi limitazioni, un corpo che non ti permette di vivere appieno».

Coreografia Livia Lepri

Disegno luci originale: Lorenzo Perra

Danzatori e attori: 5

Prima nazionale: 5 ottobre 2017 - Festival Corpi in Movimento-Le Piazze che Danzano - XIV Edizione

 Foto di Michela Leo e Tristan Scerifhi

 

1 2 12 13 24 MIL_6093bst MIL_6106bst MIL_6149bst MIL_6194bst MIL_6197bst MIL_6255bpigri MIL_6266bst MIL_6298bst MIL_6329bst MIL_6337bst MIL_6376bst MIL_6398bst MIL_6403bst MIL_6408bst MIL_6424bst MIL_6462bst MIL_6531bst
 

 

 

Compagnia Danza Estemporada, Via Venezia 7, Sassari 07100

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione Per saperne di piu'

Approvo
JoomSpirit